Rassegna Stampa

Nuovo corso di aggiornamento



8/04/2007

Nuovo corso di aggiornamento

SENIGALLIA – Creatività e nuove idee all’ultimo corso d’aggiornamento professionale organizzato dall’Associazione cuochi Ancona. Tenutosi presso l’Istituto alberghiero, dallo chef Andrea Angeletti, il corso si è basato sulla presentazione di particolari tecniche di preparazione. Il procedimento dei piatti proposto dallo chef Angeletti coadiuvato dai due cuochi Stefano Berardinelli e Gabriele Bucciarelli, ha interessato i numerosi cuochi presenti all’incontro. L’associazione cuochi ha già fissato il prossimo corso. Martedì 17 aprile, dalle 15 alle 18, presso il “Panzini”, si terrà l'incontro di aggiornamento professionale con il maestro pasticcere Claudio Marcozzi della pasticceria Il Picchio di Loreto. È inoltre attiva la rubrica “Offro e cerco Lavoro” con tutte le proposte lavorative per la prossima stagione estiva.

di Silvia Argentati


chef Rossi confermato presidente



28/02/2007
Associazione cuochi
Chef Rossi confermato presidente


SENIGALLIA – Nominate le nuove cariche dell’Associazione provinciale cuochi Ancona. Riconfermato ad unanimità il professor Giancarlo Rossi a presidente dell’Associazione. Docente di cucina presso l’istituto alberghiero “A. Panzini”, Giancarlo Rossi è conosciuto ed apprezzato fra gli associati per aver dato lustro all’associazione. L’ultima assemblea degli associati ha riconfermato quindi il professor Giancarlo Rossi a presidente, ed ha provveduto al rinnovo delle cariche. Questi i risultati della votazione: presidente onorario Arduino Messi, vice presidente Paolo Antinori, segretario e tesoriere Luca Santini; il consiglio direttivo è formato inoltre da Roberto Mantoni, Alessandro Rosselli, Silvano Pettinari, Elis Marchetti e Paolo Piaggesi. “È una grande soddisfazione per me aver ricevuto la riconferma della mia nomina e quindi la fiducia da tutti gli associati – spiega Rossi – la nostra è un’associazione che sta crescendo negli anni e per questo richiede un grande impegno e un lavoro continuo. Negli anni è risultata vincente la nuova rubrica denominata “Cerco ed offro lavoro”, uno spazio dove l’esigenza degli albergatori e i ristoratori della zona si incontra con i bisogni delle giovani figure professionali del mondo turistico alberghiero in genere”.

di Silvia Argentati

Lo chef Cammerucci sale in cattedra



Un alto numero di presenze alla lezione tenuta dallo chef Vincenzo Cammerucci.

In molti, fra cuochi, docenti e semplici appassionati, si sono dati appuntamento all’Istituto alberghiero “A. Panzini” per assistere la primo appuntamento 2007 dell’Associazione provinciale cuochi Ancona.

Protagonista assoluto dell’incontro professionale è stato lo chef Vincenzo Cammerucci, il cui successo a livello nazionale è dato dalla sua capacità di creare una cucina fresca, fatta di sapori chiari e penetranti, messi in risalto dall’abbinamento tra qualità degli ingredienti e grande manualità.

Per l’occasione Cammerucci ha dato mostra delle sue doti nella preparazione del seguente menù: cappesante crude con daikon, sale speziato e liquirizia, mezze lune con razza, sedano e capperi, gnocchi soffiati di zucca con sgombro affumicato e rapa rossa, calamari farciti con broccoletti verdi, salsa di parmigiano e lime, carrè di agnello con carciofi e timo, cremoso al cioccolato e lamponi, cioccolato bianco al latte, crema inglese e spuma al torrone.

Lo chef Cammerucci ha conquistato per la sua chiarezza e semplicità; una limpidità di linguaggio che si ritrova anche nell’ultimo volume realizzato dall’Associazione cuochi dal titolo “Un territorio, i suoi frutti, i suoi sapori e le sue ricette”, a cui lo chef patron del ristorante “Lido Lido” di Cesenatico ha preso parte proponendo e firmando quattro piatti, dall’antipasto al dolce, legati alla tradizione culinaria del territorio marchigiano.

Dal Corriere Adriatico

di Argentati Silvia


Primo appuntamento 2007 con lo chef Vincenzo Cammerucci



Primo appuntamento dell’anno nell’agenda dell’Associazione provinciale cuochi Ancona. È fissato per oggi, all’Istituto alberghiero “A. Panzini”, il primo incontro professionale 2007 che vede come protagonista lo chef Vincenzo Cammerucci.

L’incontro, dal titolo “La cucina di Vincenzo”, ha inizio alle ore 15 e terminerà alle 18.

Lo chef Cammerucci si è conquistato un posto di primo piano nel panorama della nuova cucina italiana ed europea grazie alla sua passione al suo talento. Cammerucci interpreta in maniera originale un arte culinaria fedele alla genuinità degli ingredienti e alla freschezza delle materie prime.

La tradizione gioca un ruolo importante nella sua cucina tanto che lo chef recupera le ricette più interessanti e le reinterpreta con un stile del tutto personale. Rappresentante regionale dei Giovani Ristoratori d’Europa, Cammerucci tiene lezioni presso il Centro di cultura enogastronomica “Aula Magna” di Cesena e per “La Cucina di Petronilla” di Bologna.

Collabora alla formazione dei ragazzi, come esterno, a diverse scuole alberghiere. Il costo di tale incontro è di 20 euro per gli associati, 10 euro per gli allievi associati e di 40 euro per i non associati.


Dal Corriere Adriatico

di Argentati Silvia


Associazione cuochi - Il parmigiano interpretato da Broglia



Nuovo corso d’aggiornamento professionale organizzato dall’Associazione provinciale cuochi Ancona. Previsto per mercoledì 13 dicembre, l’appuntamento vede protagonista lo chef Cristian Broglia.

Tema dell’incontro sarà Il parmigiano, dall'antipasto al dolce. Nato a Colorno nel 1974, diplomato presso la scuola di cucina di Salsomaggiore Terme, Broglia ha perfezionato le sue capacità attraverso varie esperienze professionali condotte in Italia e all’estero. Nel 1998 intraprende l’attività di ristoratore gestendo il ristorante “Dordoni” di Cremona, successivamente dirige la cucina del ristorante “Lo Storione in provincia di Parma.

Nel febbraio 2001 decide di partire per l’Irlanda come chef de partie allo “Strawberry tree restaurant”, occasione che gli permette di perfezionare la cucina biologica e naturale; a settembre dello stesso anno parte per un’altra esperienza in terra spagnola, a Granada. Nel gennaio 2004 diventa chef di ALMA la scuola internazionale di cucina italiana , dove il rettore è Gualtiero Marchesi.

L’incontro, presso l’Istituto professionale alberghiero “A. Panzini”, ha inizio alle ore 15.


Dal Corriere Adriatico del 09/12/2006

Cuochi anconetani al festival internazionale dello stoccafisso

 

ANCONA - Cinque cuochi specialisti nel preparare lo stoccafisso all'anconitana dal 19 al 23
ottobre saranno a Henningsvaer, arcipelago delle isole Lofoten al Festival norvegese
dello stoccafisso
. Proprio dove il merluzzo viene pescato e, essiccato all'aria, diventa
stoccafisso i nostri chefs faranno gustare il nostro piatto tradizionale e insegneranno
ai colleghi norvegesi il modo migliore per cucinarlo.
I protagonisti saranno Adino Messi e Paolo Antinori del Fortino Napoleonico,
Dalmazio Rossi del "Giardino", Maria Assunta Invernati della "Gratigola" di Numana,
Roberta Patrignani dell'Osteria Strabacco.
La delegazione sarà guidata dal Sindaco Fabio Sturani accompagnato da Bruno
Bravetti e Gilberto Graziosi Presidente e Segretario dell'Accademia dello stoccafisso
all'anconitana.
Saranno anche presenti il Sindaco di Fermo Saturnino Di Ruscio accompagnato dai
dirigenti di TIPICITA' Angelo Serri e Alberto Monachesi perché lo stoccafisso e la
Norvegia saranno gli ospiti d'onore di TIPICITA' 2007. Saranno presenti anche il
presidente del Mercato ittico anconetano professor Mario Martinengo e il direttore
Ornello Maraschio.
La delegazione porterà con se molto materiale informativo su Ancona e la sua
provincia, Fermo e le Marche perché sono previsti incontri per discutere di
programmi per lo sviluppo turistico reciproco e possibili iniziative economiche e
commerciali.
Nell'immaginario collettivo dei norvegesi, che vivono nell'arcipelago, Ancona è
presente visto che alla fine degli anni '40 del secolo scorso il nostro cantiere navale
costruì per loro quattro traghetti che pagarono con una fornitura di stoccafisso perché
privi di valuta pregiata.
Nel Museo del vaporetto di Stokmarknes è affissa una grande foto del nostro
cantiere di allora e sono in mostra i quattro modelli dei traghetti costruiti nella dorica.
Inoltre dopo la visita, nell'aprile 2003, dell'allora vice Sindaco Gianni Giaccaglia e la
partecipazione a Stoccafissando 2003 di Ugo Biornstad Sindaco di Vagan le Scuole
"Rodari" si sono gemellate per via telematica con la scuola del capoluogo
dell'arcipelago.
"Ecco, come in concreto, il nostro piatto tradizionale è diventato ambasciatore di
Ancona e delle Marche", sottolinea il Presidente dell'Accademia Bruno Bravetti.


Da Ankonline Ottobre 2006

Lo chef di Cupramontana ha ottenuto l' importante riconoscimento alla mostra di Rimini



Sassaroli, medaglia d’oro all’originalità

Medaglia d'oro per l’originalità della creazione e tanta soddisfazione per lo chef Stefano Sassaroli dall'edizione 2006 della mostra internazionale dell’alimentazione di Rimini. Già vincitore di una medaglia di bronzo l'anno scorso, infatti, il cuoco di Cupramontana è stato uno dei protagonisti della III edizione di Artistica.

La competizione internazionale degli chef artisti organizzata dalla Federazione italiana cuochi per testimoniare con opere pratiche come l'arte culinaria sia ormai una professionalità che può e deve coinvolgere tutti i sensi in un accattivante binomio con le decorazioni artistiche. Al Mia Sassaroli ha ricevuto ben tre riconoscimenti. Il più prestigioso certamente la medaglia d'oro per il premio speciale riservato alle opere particolarmente impegnative e innovative. Oro conquistato con un originale “orologio a cucù” realizzato a rilievo su di una zucca ornata di motivi floreali intagliati su rape bianche e zucca. Soddisfazione cui vanno aggiunte le due medaglie di bronzo vinte nelle categorie opere pronte e opere realizzate in diretta.

“Queste decorazioni vengono realizzate in genere nei gran gala proprio per accentuare l'attenzione dei convenuti sulla ricercatezza della tavola e conferire livello al ricevimento - spiega Stefano Sassaroli, appena rientrato dalla manifestazione riminese dedicata soprattutto al mondo della ristorazione di qualità -. Queste sculture sono naturalmente abbinate ad un attento e raffinato menù composto da una selezione di ricercate materie prime che vengono lavorate con metodi volti a coinvolgere vista, olfatto e gusto. Il tutto per coinvolgere sapientemente tutti i sensi e generare piacevoli sensazioni”. Molto conosciuto e apprezzato sia a Cupramontana che nel resto della Vallesina, Sassaroli ha al suo attivo un lusinghiero curriculum e collabora con il Panzini di Senigallia.


Dal Corriere Adriatico di febbraio 2006

Raccolte in un volume le proposte di undici cuochi dell' Associazione provinciale



Prendete undici cuochi e metteteli davanti ai fornelli. Poi lasciate che diano sfogo a tutta la loro fantasia e creatività, ma con i prodotti della nostra terra. Il risultato è davvero entusiasmante ed è diventato un libro raffinato di ricette dal sapore marchigiano.

Undici chef appartenenti all'associazione cuochi della provincia di Ancona hanno realizzato il volume Un territorio, i suoi frutti, i suoi sapori e le sue ricette. Sono tutti nomi altisonanti, quelli che firmano questi speciali menù d’autore: Paolo Antinori, Massimo Bomprezzi, Vincenzo Cammerucci, Matteo Ciarimboli, Claudio Gasparini, Marco Giacomelli, Michele Gilebbi, Adino Messi, Primo Patregnani, Costanza Bedetti, Silvano Pettinari e Giancarlo Rossi. Gli chef, per il libro dell’Associazione hanno proposto quattro particolari ricette.

Ogni singola ricetta all'interno del volume ha una storia legata al cuoco che ha deciso di proporla, a volte rispettando alla lettera la tradizione, altre volte rielaborandola in chiave moderna. Un antipasto, un primo, un secondo e un dolce. Sono tutti i piatti, sia a base di carne che di pesce, che vengono realizzati con i prodotti del territorio marchigiano, inoltre, ad ogni piatto è stato abbinato un vino prodotto da aziende appartenenti all'Assivip.

Le emozioni, la voglia di fare e l'amicizia che ci lega, questi sono alcuni degli ingredienti che hanno reso possibile la realizzazione di questo volume - spiega il segretario e tesoriere dell'associazione cuochi nonché chef ed editore del libro Luca Santini -. Un’idea originale che parte da lontano: le ricette sono state infatti scelte con cura, in parte legate all'entroterra della nostra provincia, in parte alla costa, tutte rigorosamente con i frutti, i sapori e i colori del nostro amato territorio.

 

Hanno inoltre collaborato alla realizzazione del volume Serena Randelli sommelier presidente dell'associazione nazionale Donne del vino regione Marche, Luigino Bruni sommelier professionista docente presso l'istituto alberghiero A. Panzini di Senigallia, Giancarlo Rossi chef di cucina e presidente dell'associazione cuochi provincia di Ancona, Simona Cicetti la quale ha curato l'impaginazione grafica, Francesca Ripanti per la traduzione in lingua inglese e il fotografo Nevio Arcangeli.

Dal Corriere Adriatico del 11/01/2006

Lo chef Roberto Fiorini all' alberghiero

 

Incontro d’aggiornamento professionale all’Istituto alberghiero “A. Panzini”. Proposto dall’Associazione provinciale cuochi Ancona, l’incontro di martedì, avrà come protagonista Roberto Fiorini, chef Patron del ristorante “Il Saraghino” di Numana.

Titolo del meeting “La cucina di mare di Roberto Fiorini”, per l’occasione verranno presentati straordinari piatti di pesce.

Lo chef Fiorini è conosciuto al grande pubblico sia per la sua rivisitazione di piatti legati alla tradizione del territorio marchigiano sia per le straordinarie influenze della cucina orientale. Il costo dell’incontro è di 20 euro per gli associati, 10 euro per gli allievi associati e di 40 euro per i non associati. Inizio dell’incontro ore 15. Per informazioni e prenotazioni telefonare al numero 338 8186012.


Dal Corriere Adriatico del 12/11/2006

Corso di aggiornamento professionale con lo chef Ottavio Pellini



L’Associazione provinciale cuochi Ancona
ha iniziato la stagione autunnale con un nuovo corso di aggiornamento professionale. Presso l’Istituto alberghiero “Panzini” di Senigallia è avvenuto l’incontro dal tema “La cucina d’autunno” a cura dello chef Ottavio Pellini.

Lo chef Pellini, neo vincitore della medaglia d’argento nella competizione internazionale di cucina fredda a squadre, è spesso protagonista di expo e convention in tutta Italia, ed anche in questa occasione non ha deluso i numerosi intervenuti. Noto per la sua cucina di pesce, caratterizzata da piatti innovativi, lo chef Pellini si è più volte distinto per l’uso particolare di erbe aromatiche.

Questo il menù presentato all’incontro:

carpaccio di vitello, rucola e pecorino fresco con macedonia di agrumi e insalata di finocchi, radicchio belga e riduzione di balsamico,

raviolo di patate con ciauscolo e guanciale, funghi galletti e pomodorino fresco,

bocconcini di pescatrice al lardo e noci con patate al timo e porcini,

faraona farcita con castagne e cervastri, salsa ai frutti di bosco, sformatino di ricotta, speek e rosmarino,


crespelle di necci caramellate con ricotta di pecora e miele di castagno, sfogliatina di mele ruggine, uvetta e pinoli, mele rosine con burro, uvetta, pinoli e zucchero.

Altri incontri sono già in programma da parte dell’associazione, un gruppo che è entrato nel vivo del settore alberhiero presentando chef di grande livello e creando uno spazio speciale “Cerco ed offro lavoro” ben inserito nel tessuto lavorativo del territorio.

pagina 2 di 5